Framework

Un atteggiamento proattivo dei dipendenti può fare la differenza per la crescita aziendale e quella professionale del singolo. Spesso si ha la percezione di subire cambiamenti dall’esterno e di non poter governare la situazione, ma con un mindset funzionale, verso la ricerca di soluzioni e non di problemi, si effettua il cambio da un approccio reattivo ad uno proattivo che porta a risultati più soddisfacenti e crea risorse più motivate.

Obiettivo

I partecipanti al corso imparano come superare i blocchi personali e gli schemi mentali, interiorizzando le proprie “sfere di influenza” comprendendo così ciò che è sotto l’influenza del singolo e cosa invece è indipendente dal suo controllo, tale distinzione è strategica per arrivare al raggiungimento degli obiettivi. Durante le attività le risorse imparano a comprendere le diverse variabili che impattano sulla situazione in esame, a prendere delle decisioni in maniera proattiva e a sentirsi sicuri della scelta applicata. Il mindset proattivo permette alle risorse di farsi riconoscere come leader dai propri collaboratori.

Destinatari

Amministratori Delegati, Direttori Generali, Direttori e Responsabili di funzione, Responsabili Miglioramento Continuo, Responsabili Qualità, Responsabili Marketing, Responsabili commerciali, Middle Manager, Sponsor e Team Leader.

Durata

2 giornate.
Attestato di partecipazione.

Modalità

Didattica interattiva con l’utilizzo di simulazioni, esercitazioni pratiche, case study e test psicoattitudinali. Vengono sviluppati esercizi pratici individuali e di gruppo usando come filo conduttore i Bias cognitivi e gli strumenti per superarli

Contenuti

  • Come passare da un mindset reattivo ad uno proattivo
  • Analisi transazionale
  • Solution Focus
  • Sfere di influenza: cosa sono e come usarle
  • Bias cognitivi: come superare gli schemi mentali
  • Metodi di Motivazione

Richiedi Informazioni sul corso Mindset proattivo



Questo sito utilizza cookies per varie funzionalità. Cookie policy