Consulenza Aziendale e Direzionale

Leanprove lavora su progetti di consulenza e formazione unendo la ricerca universitaria e l’esperienza aziendale per offrire nuove soluzioni e metodologie. Propone un servizio personalizzato on the job per contenuti e metodi. Si avvale di Project Leader certificati Master Black Belt con esperienza pluriennale. Offre servizio di Temporary Management per l’implementazione rapida e strutturata del Lean Six Sigma in azienda, tramite un affiancamento personalizzato delle risorse.

Six Sigma

Il Six Sigma è una metodologia di process improvement rigorosa e sistematica, basata sull’utilizzo dei dati e dell’analisi statistica, volta alla misurazione e al miglioramento delle performance aziendali.

I progetti Six Sigma portano a benefici quantificabili e immediati!

La Divisione di Consulenza Aziendale e di Direzione offre una esperienza pluridecennale in questa disciplina, maturata attraverso la stretta collaborazione con decine di aziende di varie dimensioni e operanti in diversi mercati.

Il Lean Six Sigma contribuisce a rafforzare la leadership dell’azienda attraverso una crescita e uno sviluppo costanti, tesi alla misurazione e all’analisi sistematica del livello di servizio erogato, al miglioramento continuo dei processi interni, al monitoraggio costante degli indicatori di performance, dell’evoluzione del mercato e allo sviluppo delle competenze interne al servizio dei clienti.

Alcuni Progetti

Measurement system analysis

Measurement System Analysis (MSA) è una metodologia che ha l’obiettivo di valutare le proprietà di un sistema di misura, per assicurare la sua adeguatezza e la sua efficacia.

L’output di un processo è caratterizzato da 2 sorgenti di variabilità:

  • Part-to-part variation
  • Measurement system variation

La catena di misura è validata (accettabile) se la maggior parte della variabilità è da imputarsi alle reali variazioni “Part-to-part”

Un sistema di misura è caratterizzato principalmente da:

  • Posizione (Location)
  • Ampiezza (Width)
  • Risoluzione (Number of Distinct Categories – NDC -)

Il Gage R&R è uno strumento che permette di validare il sistema di misura al fine di raccogliere dati affidabili.

Con il Gage R&R sarà possibile valutare l’Accuratezza, la Ripetibilità, la Riproducibilità e la Risoluzione dei sistemi di misura.

Lean Manufacturing

Lean è l’impegno determinato e continuo ad eliminare gli sprechi da ogni processo aziendale, con l’obiettivo di:

  • operare in sicurezza
  • fornire al cliente la miglior qualità
  • garantire puntualità nelle consegne
  • garantire il miglior servizio ad un costo contenuto

Lean tradotto alla lettera significa “Snello”, “Agile”, “Caccia agli sprechi”

Lean Six Sigma

Perché integrare le due metodologie?

  • Il Six Sigma non è in grado di dare quella spinta ai processi in termini di velocità e flessibilità
  • Il Lean non è in grado di tenere sotto controllo statistico un processo

“Il Six Sigma e la Lean Production contribuiscono al miglioramento dei processi in termini di eccellenza operazionale “

Alcuni Progetti

Design for Six Sigma

Progettare «zero difetti»: Right First Time

Il Design For Six Sigma rappresenta l’evoluzione del pensiero Six Sigma verso l’eccellenza: una volta acquisita la metodologia Six Sigma è possibile progettare nuovi prodotti/processi senza difetti attraverso il DFSS. Se infatti la logica DMAIC guarda dentro i processi aziendali per migliorarne le performances, il DFSS è un modus operandi per progettare e sviluppare processi in grado di ottenere prodotti studiati sulle richieste del cliente, con un livello di qualità tipico del Six Sigma

“We Are Going To Shift The Paradigm From Fixing Products To Fixing And Developing Processes, So That They Produce Nothing But Perfection Or Close To It”

Jack Welch

Le logiche del DFSS: IDOV & DMADV

Il DFSS agisce sia su processi esistenti, come evento Kairyo, sia su processi che devono ancora essere implementati, con due logiche diverse, ma con un obiettivo comune: l’eccellenza. Per ottimizzare i costi, il DFSS interviene più a monte possibile nella catena di progettazione-produzione con l’obiettivo di perseguire l’Eccellenza Six Sigma, in modo da intervenire nella zona dove i costi dei cambiamenti sono minori

Affidabilità

L’ affidabilità è la capacità di un sistema o di un componente a compiere la funzione richiesta in determinate condizioni e in un periodo di tempo stabilito: è definita come una probabilità statistica. Lo studio dell’affidabilità contiene al suo interno diverse discipline quali le tecniche statistiche, la teoria della probabilità, la teoria della manutenibilità, oltre che tecniche ingegneristiche come modelli di previsione, analisi delle caratteristiche termiche, prove di verifica dell’affidabilità e prove di vita accelerata.

“La misurazione e l’analisi dell’affidabilità del sistema/prodotto all’interno di una azienda è fondamentale al fine di far tendere l’azienda verso l’eccellenza”

S. B. Blanchard

Manutenibilità & Disponibilità

La Manutenibilità è la probabilità di un sistema, in assegnate condizioni di funzionamento, di essere riportato in uno stato nel quale possa svolgere la funzione richiesta. Ciò avviene quando la manutenzione è realizzata nelle condizioni determinate, e con procedure e mezzi prescritti.

La Disponibilità è l’attitudine di un oggetto ad essere in grado di svolgere una funzione richiesta a un dato istante o durante un intervallo di tempo, in condizioni determinate, supponendo che siano assicurati i mezzi esterni eventualmente necessari.

Tasso di guasto

Il guasto è una cessazione dell’attività di un oggetto ad adempiere alla funzione richiesta. Il modo di guasto rappresenta l’effetto che rende evidente il guasto stesso.

Generalmente i guasti sono riparabili e alla rottura di un componente segue un intervento di riparazione. La misura della performance di un prodotto tra due guasti è chiamata MTBF (Mean Time Between Failure)ossia il tempo medio tra la segnalazione di una anomalia e la successiva.

Mappe della Strategia / Balanced Scorecard

Alla base degli scarsi risultati delle aziende si cela il problema fondamentale e ancora irrisolto di passare dalla teoria ai fatti, dalla strategia alla sua esecuzione.

E’ dimostrato che le aziende che sanno farlo ottengono risultati migliori dei loro concorrenti. Ma perché molte non ci riescono?

Le aziende di successo sono quelle che riescono a influenzare il proprio futuro, ovvero, sono quelle che hanno identificato e stanno realizzando la propria strategia.

La Divisione di Consulenza Aziendale e di Direzione si rivolge all’impresa offrendo un’assistenza completa e personalizzata per la formulazione, attuazione e controllo della strategia.

In particolare, attraverso una visione multi-prospettica dell’azienda, la metodologia adottata permette l’identificazione dei seguenti elementi strategici: temi, mappe grafiche, indicatori di prestazione (KPI) e piani di iniziative/progetti suddivisi per funzione aziendale o attore coinvolti nel medio/lungo periodo.

La nostra soluzione permette di collegare la strategia alle attività quotidiane attraverso piani operativi annuali (processo di budgeting) e coinvolgendo i collaboratori nell’attuazione della strategia assegnando loro obiettivi con valenza strategica legati ai relativi indicatori di prestazione (KPI) e progetti.

Il processo in 6 passi

La Balanced Scorecard è il nuovo sistema manageriale che le aziende possono utilizzare per sostenere e guidare coloro che devono eseguire concretamente la strategia.

Il processo in sei passi insegna a sviluppare la propria strategia chiarendone gli obiettivi e conducendo un’analisi strategica, pianificare la strategia scegliendo finalità, target, iniziative e modalità di controllo della performance, allineare alla strategia le unità organizzative e i collaboratori, pianificare le priorità e l’allocazione delle risorse, monitorare l’esecuzione e imparare dagli errori, testare e adattare la strategia.

Il risultato è un’organizzazione di successo capace di eseguire la sua strategia.

Il processo in 6 passi

Il rivoluzionario modello di gestione delle prestazioni, introdotto da Robert Kaplan e David Norton della Harvard Business School, introduce un nuovo approccio che rende la strategia un processo continuo che comporta la gestione non solo da parte dell’alta direzione, ma da parte dell’intera organizzazione.

Strategia e coinvolgimento aziendale

Utilizzando decine di chiari esempi di società, Kaplan e Norton mostrano come creare mappe strategiche che consentono alle aziende di:

  • Chiarire e comunicare le strategie a tutti i dipendenti
  • Identificare i principali processi interni che portano al successo strategico
  • Allineare gli investimenti nel capitale umano, tecnologico e organizzativo per ottenere il massimo impatto possibile
  • Individuare i difetti nella strategia e attivare le misure correttive in tempo utile

World Class Manufacturing (WCM)

World Class Manufacturing (WCM) o Total Performance Management (TPM) è un programma/filosofia di miglioramento continuo riconosciuto e praticato mondialmente da diverse aziende di successo.

È un modello integrato che riguarda l’organizzazione della fabbrica nel suo complesso: dalla gestione degli aspetti ambientali e di sicurezza sul lavoro, alla manutenzione, fino alla logistica con particolare attenzione all’eliminazione degli sprechi. Il WCM si applica a tutti gli ambiti della produzione con l’obiettivo di ottimizzare i risultati attraverso il miglioramento continuo dei processi e della qualità del prodotto, il controllo e la progressiva riduzione dei costi di produzione, la flessibilità di risposta alle esigenze del mercato e il coinvolgimento e la motivazione delle persone.

Il Programma si avvale di una base di gestione (informazione e risultati) molto strutturata e sistemica e si poggia sui cosiddetti Pilastri (fra i principali Focus Improvement, Autonomous Maintenance, Planned Maintenance, Quality Maintenance, Education & Training, Safety/Health/Environment). Un audit esterno valuta il grado di applicazione dello standard raggiunto dallo stabilimento e stabilisce così un punteggio che si traduce in quattro tipi di certificazione: bronzo, argento, oro e world class.

La Divisione di Consulenza Aziendale e di Direzione offre anche in questo settore una esperienza maturata attraverso la stretta collaborazione con aziende, in Italia e all’estero, di varie dimensioni e operanti in diversi mercati.

Risk Management

Il Risk Management è un’attività che si prefigge di individuare i rischi associati a un cambiamento nel processo, andando a valutare per essi la probabilità di accadimento e l’impatto generato, e predisporre una serie di azioni correttive volte alla loro mitigazione. Può essere definito come il sistema, fondato su una metodologia logica e sistematica, che consente di identificare, analizzare, valutare, eliminare e monitorare i rischi associati a qualsiasi attività (o processo), in modo da rendere l’organizzazione capace di minimizzare le perdite e massimizzare le opportunità

“Not everything what can be counted counts, and not everything what counts can be counted”

Albert Einstein

Gli step operativi

Senza la conoscenza del rischio non c’è possibilità di preparare o adottare azioni correttive e migliorative. La valutazione del rischio deve essere necessariamente un processo continuo finalizzato al miglioramento, dato che, nel tempo, i fattori esterni o interni di rischio possono cambiare. Il Risk Management deve comprendere una previsione dei costi di gestione del rischio, in termini di risorse economiche, di capacità e di mezzi.

Analisi delle criticità

Sistema di Gestione della Qualità

L’applicazione della Gestione della Qualità in una impresa consiste nel rendere operativo il “sistema azienda” allo scopo di ottenere il massimo dei risultati (efficacia) con il minimo dei costi (efficienza). Con la Gestione della Qualità, si passa, per la prima volta, dal controllo del prodotto (controllo ex-post) e dall’assicurazione che i processi necessari alla sua realizzazione siano monitorati, al governo dei processi (cultura della qualità). Per governare davvero i processi e per soddisfare sempre i nostri clienti, lo strumento giusto è l’applicazione del miglioramento continuo che sta alla base della Gestione della Qualità.

La Divisione di Consulenza Aziendale e di Direzione offre anche in questo settore una esperienza maturata attraverso la stretta collaborazione con aziende, in Italia e all’estero, di varie dimensioni e operanti in diversi mercati. L’offerta dei servizi è molteplice e può includere anche la preparazione del sistema azienda alla certificazione ISO 9001-2008.

Qualità di un prodotto

La qualità è diventata uno dei fattori più importanti nel processo di decisione del consumatore, quando si tratta di scegliere tra beni o servizi in concorrenza tra di loro.

Comprendere o migliorare la qualità è un elemento decisivo per raggiungere il successo dell’impresa produttiva, per la crescita e il miglioramento della propria posizione nel mercato.

La qualità di un prodotto può essere valutata secondo diversi aspetti:

  • Prestazione: il prodotto compie il lavoro e la funzione richiesta?
  • Affidabilità: con quale frequenza il prodotto si guasta?
  • Durata: quanto dura un prodotto / servizio?
  • Manutenibilità: quanto facilmente può essere riparato?
  • Aspetti formali: come si presenta il prodotto?
  • Funzionalità: che cosa fa un prodotto?
  • Conformità alle normative: è stato prodotto come previsto nella progettazione?

Sistemi di Gestione della Qualità: Principi